Info Perù

Chinchero fue el lugar elegido por el inca Túpac Inca Yupanqui para establecer su residencia (wikipedia).

Partenza alle 7:30 con il nostro autista Roberto e con Luis, di peruresponsabile.it, per la Valle Sacra degli Incas.

La prima tappa è stata Chinchero, un paesino dove le culture incaica e spagnola dei conquistadores si sono sovrapposte senza contrastarsi.

Camminando lungo una via con negozi di abbigliamento artigianale tipico della zona, siamo arrivate in un grande piazzale sterrato dove era stato allestito un mercato tessile.

Chinchero strada con negozi

Davanti al piazzale c’era la chiesa Nuestra Señora de Monserrat de Chinchero e una torre costruite sopra ai resti di un tempio inka.

L’ingegneria inka era riconoscibile dalle pietre ben levigate e perfettamente incastonate.

Eravamo in mezzo alle montagne.

Le poche edificazioni di Chinchero erano bianche e risaltavano in mezzo al verde e le montagne della zona.
Chinchero

Sotto la chiesa di e la torre  di Chinchero c’erano dei maestosi terrazzamenti agricoli disposti su tre versanti della valle, est sud e ovest, che scendevano vari metri sotto il paese.

Questi terrazzamenti erano squadrati, a forma di ] (semi rettangolo) ed erano enormi che scendevano a forma di grandi pioli di scale.

Chinchero terrazzamenti

Le pareti dei terrazzamenti erano le mura di sostegno e tra le varie pietre delle mura ne spiccavano alcune che erano messe appositamente a formare le scale per salire o scendere da un terrazzamento all’altro.

Lungo le mura di sostegno si vedevano i canali per l’irrigazione dei piccoli campi delle terrazze.

Luis ha detto che Chinchero era una zona agricola molto importante dovuto al micro-clima che permetteva la coltivazione di cereali e ortaggi.

Curiosità
A Chinchero, ogni domenica mattina si tiene uno dei più tipici mercati indigeni della regione, dove si può acquistare frutta tropicale, foglie di coca, sale di Maras, patate, fave ecc. ancora oggi in questo mercato tra gli indigeni viene praticato il trueque cioè il baratto.

Tornate alla macchina, siamo ripartite alla volta delle saline incaiche di Maras.

Ti piace questo blog?